Domanda 4 - È vero che comanda Grillo come un dittatore?

Grillo ha un atteggiamento indubbiamente energico e anche rigido rispetto ai principi del movimento da lui spinto e promosso. Questa rigidità, per esempio, non ha permesso l'utilizzo del nome e del simbolo del movimento a liste che non superavano i requisiti richiesti dal movimento stesso.

Tale "rigidità" è necessaria quando si deve fare una politica seria, che sia dal basso, ma organizzata e capace di superare i vecchi partiti. I concetti di affidabilità, serietà, rispetto delle regole e delle decisioni interne, sono scarsamente presenti nella mentalità italiana, mentre i vecchi partiti sono da tempo estranei. E' facile per tanto per questi ultimi, o comunque per gli oppositori di Grillo fare leva su una coerenza, a volte forzata, che è stata dimenticata da tempo. 

Inoltre molte decisioni, ritenute di Grillo, sono invece partite dal territorio.

I più maligni ritengono che anche se le decisioni vengono dal basso, siano Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio a manipolare le scelte in vario modo. Tale fatto, più che manipolazione è ideologia del movimento che forse, a seconda dei contesti può talvolta essere suscettibile.

e-max.it: your social media marketing partner